Portale informativo e punto di riferimento per lo scrittore emergente

Recensioni Libri

Affrontiamo la recensione di un altro libro dalla trama interessante e variopinta che di certo fa riflettere sui casi della vita. Un bambino senza voce è il libro della scrittrice Paola Bertini Picasso, che può essere considerato a tutti i livelli testo molto commovente e non adatto a chi è in un momento di tristezza.

La storia raccontata è difficile da comprendere, visto che parla dell’incomunicabilità presente all’interno di una famiglia, visto che questo problema è sempre più attivo all’interno delle famiglie moderne. Il protagonista del romanzo è il piccolo Luca di soli sei anni, unico figlio di una coppia moderna. Il suo svantaggio è quello di essere troppo sensibile e con tanta voglia di ricevere attenzione, il suo desiderio è quello di sentirsi protetto e amato ma in realtà i genitori non si interessano a lui.
Le uniche attenzioni che riceve sono quelle del nonno che lo coccola e lo cura come se fosse davvero il suo figlio. La mamma di Luca fa la giornalista e il padre Avvocato, sono molto innamorati di loro figlio ma non sono mai attenti alla sua vita perché invasi da mille impegni di lavoro che volenti o nolenti, li portano a trascurare il figlio.
Un bel giorno Luca smette di parlare e non fa altro che comunicare con il nonno, ecco la prova del disagio che viene provato da luca e che mettere in allarma la psicologo dalla scuola e una maestra, che si manifestano come persone molto sensibili al problema.
Le due donne uniscono le forze e decidono di fare il possibile per dare una mano a Luca e alla sua famiglia. La vicenda viene narrata nei minimi dettagli e porta la scrittrice Paola Bettini Picasso ad essere travolta dalle emozioni che sembra aver vissuto davvero. La trama che viene messa in evidenza in questo libro, parla chiaramente dei problemi che la maggior parte delle famiglie italiane si trovano a vivere.
I genitori sempre di fretta per il lavoro, poco alla volta non si rendono nemmeno conto che trascurano i loro figli, spesso bambini tanto sensibili che vivono il disagio in vari modi. Un ottimo libro consigliato a chi desidera capire che cosa significa vivere in ambienti familiari di questo tipo, un aiuto per tutte le coppie di genitori che desiderano raggiungere l’importanza della comunicazione e di prendersi cura dei propri figli. Sembra incredibile ma la società di oggi, vive in queste condizioni pessime.
Come affrontare il problema? Grazie all’aiuto di uno psicologo o di uno psichiatra o semplicemente sforzandosi un po’ di più per capire quale mancanze sente il figlio. Un bambino senza voce è un racconto molto vicino alla realtà di oggi, andrebbe letto da tutte le famiglie che rimpiangono di non poter passare un sacco di tempo con i loro figli.
DI certo ai giorni nostri il lavoro è importante ma come rinunciare e arrivare a trascurare il proprio figlio? Difficile conquistare questo livello, la madri che leggeranno questo libro, si sentiranno colpevoli e aiuteranno a valutare l’attenzione più innovativa verso la famiglia e le cure che un bambino ha bisogno di vivere.
Abbiate il coraggio di lasciarvi andare e di vivere al meglio il momento più adatto, non dimenticatevi di dare attenzione alla vostra famiglia, un giorno potreste avere il ripianto. Ecco la conferma di come i libri possano arrivare a conquistare il momento più difficile di una famiglia che non trova mai il tempo per nulla.
Non ci sono parole, questo è il vero mondo in cui viviamo oggi. Non temete il momento per leggere questo libro, si trova per forza perché cattura troppo l’attenzione.

L’amore è sempre un argomento molto importante al centro della vita, sono le persone che non possono fare a meno dell’amore, oppure questo sentimento in un modo o nell’altro deve entrare a far parte della nostra vita? Il libro di esordio “Possiamo amare” è stato scritto a quattro mani, gli autori sono: Allegra lagange e Leonardo Giada.
Si tratta di un romanzo piuttosto interessante, dove vengono prese diverse tematiche che ruotano intorno al tema dell’amore, del cambiamento, del desiderio, la crescita e la sessualità che può esserci in una coppia. Sono due le protagoniste di questo racconto: Eleonora e Valerie, le dura ragazze hanno il coraggio, di raccontare la propria vita senza finzione e parlano di storie senza filtri.

Il loro obiettivo è quello di soddisfare un’egoistica voglia di aver condiviso con altri un qualcosa di bello. La trama parla del passato di entrambe, che si mostrano agli occhio dei lettori, per offrire un immagine completa del loro essere e relazionarsi per entrare nel fulcro della loro vita, concentrandosi principalmente sulle sensazioni di amore.
Fino a quando non si arriverà a parlare del loro amore, una sorpresa che molti lettori non potrebbero prendere di buon grado. Infatti, la scrittrice è stata capace di scrivere senza vergogna, dell’incontro di queste due ragazze, avvenuto per la prima volta ai tempi delle scuole, dove si lascia il mondo dei bambini e si inizia a conoscere il mondo degli adulti.
Per l’autrice, questi vengono rappresentati come gli anni difficili, dove avviene una sorta di rivoluzione interiore, dove si conoscono nuove realtà e si approccia alla vita in maniera diversa. L’arrivo di nuove incontri porta alla cancellazione di amicizie che sembravano eterne. Il libro scorre sotto gli occhi del lettore, con Eleonor e Valerie che si affrontano tutti i giorni a vivere con ingenuità e maturità, vivendo insieme e scoprendo i loro contrasti e i loro cambiamenti.
La sessualità che viene vissuta da queste dure ragazze non cade mai nella volgarità e non eccede, viene presentata la veste migliore di un rapporto omosessuale senza veli e senza vergogna. Un genere di libro che appare a tutti gli effetti un romanzo sincero, d’impatto e che non si nasconde dietro a nulla, ma non eccede con i sentimenti omosessuali delle ragazze.
SI legge solamente come sia possibile raccontare dell’amore con tanta delicatezza ma anche con tanta sessualità e viene mostrato anche quanti legami, possono nascere su varie persone. Nel libro scritto da Lagange e Giada, il desiderio più forte è quello di schierarsi contro le fobie che ancora oggi affliggono la società odierna e mostrano come si possa amare liberamente.
Forse un libro che non calcola esattamente i desideri di chi vuole vivere, il rapporto omosessuale in maniera intensa. La società vede ancora di cattivo occhio le persone di questo genere ma di certo non si potrà fare a meno di constatare quanto le parole inserite nel libro siano vere.
I due autori hanno solamente voluto confermare quanto si possa amare in ogni modo chi si desidera, voi che ne pensate? Questo tipo di libro sarà vissuto dal lettore con interesse oppure con cattiveria e con la possibilità di vivere il meglio in ogni modo, abbiate il coraggio di lasciarvi andare e proverete le più grandi emozioni che abbiate mai desiderato.
Un libro che fa riflettere e che vi porterà a vivere, i dispiaceri di una copia omosessuale che vuole vivere serenamente il proprio amore davanti a tutti, senza vergogna e senza pudore. Incredibile quanta realtà si vive in ogni pagina e in ogni frase, il meglio è proprio quello che ogni lettore vorrebbe avere a disposizione.

Oggi desideriamo parlarvi di un libro che ha fatto molto leggere e che ha permesso di valutare con attenzione la critica di tantissimi lettori. Noi non siamo qui è disponibile in versione ebook, presso tutte le librerie online, un libro che è riuscito a ricevere il premio Vanity 10 rilasciato da parte di Vanity Fair.
Possiamo considerarla a tutti gli effetti, l’opera più importante per la categoria degli scrittori under 30. L’autrice si chiama Ilaria Margapoti, per lei è il secondo ebook pubblicato nella quarta edizione del torneo letterario Io scrittore. La trama è molto interessante e lascia spazio alla fantasia, quindi gli scrittori fantasiosi non potranno fare a meno di vivere al meglio.

Immaginate una storia dove risulta difficile cercare una persona di cui non si conosce nemmeno il nome, ma un nickname. Dietro di esso si nasconde e si rivela al tempo stesso, una persona che rivela i suoi sogni, e mozioni e pensieri. Ed è possibile che il silenzio di Eden sia da mettere in relazione con la scomparsa di Edige, una ragazza che frequentava l’università di Roma. Come è possibile che tutto sia avvenuto nello steso periodo?
Forse il silenzio di eden nasconde una relazione nascosta oppure si tratta di un allontanamento volontario o ancora di un suicidio o forse di un omicidio? Intricata la trama che riuscirà a farvi vivere grandi e preziosi sensazioni ad ogni capitolo. Troppe domande e troppe risposte a cui non è possibile dare una chiarezza.
Ovviamente i compagni di chat di questa persona sono in cerca di situazioni e di risposte che offrono dei dettagli unici e incredibili, vogliono sapere se il web è la colpa di questa scomparsa. Nessuno delle persone immagina che la sparizione di Eden, colpirà tutti con un pugno senza limiti.
L’autrice è Ilaria Margapoti, nata a Roma nel 1983 e nel 2010 si è trasferita a Salerno, la sua esperienza è piuttosto variegata, infatti, dopo un’esperienza come ricercatrice universitaria ha scelto di portare avanti con il massimo impegno, l’unica ricerca che le emozioni suscitano in ogni persona. Quella sulla vita e tante storie che la compongono dentro al mondo.
Un grande successo per una giovane scrittrice che spera in tutto e che le vendite del suo romanzo sia sempre più elevata. Il libro è da leggere con calma, perché è da comprende e valutare con una certa attenzione l’analisi che viene analizzata dalla dall’autrice. Il libro ha ricevuto il premio per essere un racconto ricco di ricchezza e di esasperazione, dove la vita è sempre la particolare vita che aiuta tutti a vivere in maniera diversa.
Abbiamo avuto modo di leggere un libro davvero interessante e che non deluderà i lettori in cerca di suspance e di voglia di vivere. Quindi abbiate il coraggio di poter continuare senza limiti a leggere ogni capitolo, anche se vi sembra strano e particolare questo libro ha molto da offrire a chi desidera amare e vivere la vita in maniera diversa.
Ecco l’innovazione che vi aiuterà a vivere al meglio il modo migliore e le possibilità di condividere la passione per chi vuole vivere al meglio la soluzione autentica e geniale. Abbiate il coraggio è quello di poter vivere al meglio e in ogni momento, la soluzione più indicata per valutare il vostro stile di lettura, un libro impegnato e unico vi avvolgere e completerà a livello elevato fino ad offrirvi il meglio che abbiate mai desiderato.
Non lasciatevi andare, il momento migliore per leggere Noi non siamo uguali è quello di vivere senza pensieri e senza limiti. Abbiate il coraggio di iniziare a leggerlo e non ne potrete più fare a meno.

Articoli recenti